attila

la grande depressione

Posts Tagged ‘veneto city’

Veneto City: i numeri

Posted by vaiattila su 4 settembre 2008

leggo sul sito della Regione Veneto alcuni dati relativi a Veneto City

http://www2.regione.veneto.it/videoinf/giornale/03/veneto_city.htm

li riporto:

1 milione e 800 mila metri cubi di cemento

600 mila metri quadri di superficie complessiva,

70 mila auto al giorno,

200 mila metri quadri di superficie espositiva ,

60 mila di spazi vendita

50 mila di alberghi

e poi tanto altro, dai centri fitness a una torre telematica alta 150 metri destinata ad ospitare società di telefonia e radiofonia

Posted in varie | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Veneto city

Posted by vaiattila su 3 settembre 2008

Tempo fa un amico mi aveva parlato di Veneto City un enorme colata di cemento che dovrebbe sorgere nell’area tra Dolo, Pianiga e Mirano. http://marconoale.wordpress.com/2008/02/27/ricevo-da-giancarlo-rossi/ Per saperne di più  rimando a: http://www.eddyburg.it/index.php/article/articleview/10584/0/99/ Io, quando me ne parlò Giancarlo, il mio amico di cui sopra, non colsi a pieno il significato della cosa. Già avevo presente le lottizzazioni in essere fuori dal casello autostradale di Dolo… Va bene, pensai  sconsolato, costruiranno ancora un po’ di capannoni, ma tanto… Poi ti accorgi che l’idea di Veneto City è vecchia di almeno cinque anni e che esiste una sorta di dibattito fatto in sordina,   e c’è chi è a favore, ma preferisce non parlarne e c’è chi è contrario, ma non ha grandi sponde o casse di risonanza tali che la questione diventi di pubblico dominio e poi c’è chi sa, ma tace, non ha ancora deciso da che parte stare: dipende, ma intanto vediamo come maturano le cose. Intanto però la cosa continua. Io l’imprenditore edile veneto me lo vedo un pò come la vecchia talpa che scava, silenziosa ed operosa e procede senza clamore dentro le istituzioni della regione, della provincia del comune e via via assolda, corrompe, convincie… e anno dopo anno segna dei punti a suo favore, lento ed inesorabile. L’imprenditore Veneto  di un certo livello  non urla, non lascia dichiarazioni, non si schiera politicamente. Parla a voce bassa e dice il meno possibile, ma se decide che dovrà realizzare una delle più grandi lottizzazioni d’Europa in un area che per altri versi sembra del tutto inadeguata togliendo ancora una volta terra e cementificando in nome di una visione “moderna” e dinamica dell’economia ( obrobri simili non trovano pari in qualsiasi luogo d’europa), allora potete stare certi che non mollerà la presa, si tratti del Mose o di Veneto City…  E intanto gli oppositori avranno modo di stufarsi di fare gli oppositori. Alcuni saranno presi per fame, altri per la gola, altri, molto semplicemente si convinceranno perchè a forza di parlarne diventerà normale pensare ad un nuovo insediamento di logistica con 10.000 occupati. Poi su questo si può anche ricamare. Diecimila nuovi posti di lavoro! ma  è una manna! così, un passo dopo l’altro. L’imprenditore veneto ha mascelle di pescecane e non molla la presa, ed è paziente come un elefante. E il fronte nemico si assottiglia, e l’opposizione politica non è coesa ed omogenea…. e quindi è meglio non parlarne. Ad esempio il soprintendente al Beni architettonici del Veneto Orientale, arch. Monti, si era espresso contro Veneto City… bene, lo si trasferisce e si segna un piccolo punto a proprio vantaggio….con calma, senza clamore… Ma per curiosità: il Partito Democratico del Veneto cosa pensa a proposito?  in fin dei conti si tratta solo di una delle più grandi lottizzazioni d’Europa che cambierebbe anche l’assetto produttivo e sociale di tutta la Regione. Potrebbe anche pensare di dire la sua, o no?

Posted in varie | Contrassegnato da tag: , , | 2 Comments »