attila

la grande depressione

la rimozione del prefetto di Venezia

Posted by vaiattila su 20 dicembre 2009

Il ministro Maroni, quello stesso ministro che con la sua faccina seria e compassata guarda con sospetto dentro lo schermo di un computer per capire dove è il pulsante che spegne la rete, ha segnato un altro grande passo nella direzione delle libertà. Si tratta della libertà di rimuovere qualsiasi funzionario che non sia direttamente organico alle pensate di codesti signori che hanno delloStato lo stesso rispetto che hanno per la bandiera… A me di difendere la bandiera non piace particolarmente, ma mi chiedo come questi personaggi che fino a ieri dicevano, e non sono parole mie ma loro, di pulirsi il culo con la bandiera, oggi fanno i ministri dell’interno e i grandi padri di una nazione che vogliono smembrare e opprimere.

La cosa che è sorprendente è notare che a fronte di queste orde di barbari che stanno scientemente distruggendo ogni forma di stato di diritto non ci siano sufficienti anticorpi di difesa da parte dello Stato. O meglio, quelli che sono gli anticorpi di difesa sono deliberatamente attaccati dal virus distruttivo della follia del popolo delle libertà e dei suoi alleati leghisti.

PErchè si rimuove un prefetto? perchè inefficiente rispetto ad una questione di ordine pubblico? perchè ha rubato? perchè è colluso con la mafia? Macchè! Semplicemente perchè la Presidente della PRovincia che è una vera talebana leghista, sta cercando, ancora una volta, di assumere su di sè le competenze che sono del Comune di Venezia.

Questo personaggio, che ha richiesto ed ottenuto che a Venezia, città da sempre priva di sostanziali difficoltà di ordine pubblico, siano assegnate pattuglie di militari in funzione di lotta ai “vu’ Cumprà”, è riuscita anche a fare il diavolo a quattro contro il Prefetto per la sua posizione “neutrale” nei confronti delle scelte del Comune di Venezia di realizzare un villaggio per la comunità scinti.

Ora quello che non solo è grave, ma profondamente eversivo  e distruttivo, è considerare l’Amministrazione come totalmente asservita alla volontà della politica.  Così abbiamo assistito, in un crescendo di “occupazione”  delle competenze, imporre un vaccino in nome del terrore della pandemia creando artatamente un clima di paura  anche se una buona parte del mondo medico diffidava  e poi si è visto il parlamento ancora una volta espropriato del proprio ruolo di legislatore,  e anche abbiamo visto farsi vanto delle azioni di polizia contro la mafia quasi esistesse un nesso diretto tra lotta alla mafia e governo… sì, si dirà, questo nesso esiste, ah, ecco, ma allora esiste anche il contraro…. se è vero che la lotta alla mafia fa messa nel conto del governo è anche vero che l’inerzia alla repressione di  determianti santuari del richclaggio o dello spaccio fa addebitata comunque al governo… Cioè noi veniamo a sapere di “brillanti operazioni contro la droga” ma non fanno notizia le brillanti operazioni di smercio di droga che la criminalità mette in saccoccia. Abbiamo così una rappresentazione distrota del mondo: da un lato le conclamete operazioni anti mafia del governa, dall’altro il silenzio sulle brillanti operazioni della mafia… Dunque come opinione pubblica possiamo illuderci che la mafia sia in ginocchio, mentre nella reealtà effettiva essa sta tranquillamente ed indisturbatamente prosperando.

E in questo bailame c’è chi si premura di rimuovere un funzionario perchè semplicemente fa il suo dovere di rispettare le competenze..

Lo so, sono confuso, metto tutto dentro in um minestrone di sensazioni, notizie, impressioni… però mi pare che l’occupazione delle competenze di altri sia il preludio di un regime sempre più invadente e che non rispetta più nulla in nome del proprio potere conferito dal popolo dove, nel caos di un soggettivismo esasperato, ogni piccolo politico eletto si atteggia a interprete del volere popolare…

Annunci

Una Risposta to “la rimozione del prefetto di Venezia”

  1. […] via https://vaiattila.wordpress.com/2009/12/20/la-rimozione-del-prefetto-di-venezia/ Posted by admin on dicembre 20th, 2009 Tags: News, Politica Share | […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: