attila

la grande depressione

il ministro Brunetta – novembre in tempo reale

Posted by vaiattila su 29 ottobre 2008

28 ottobre: il ministro Brunetta dichiara guerra alla CGIL “andrò avanti anche senza la loro firma al contratto” -Epifani oppone un strenua resistenza e dichiara lo stato di calamità naturale: Brunetta ribatte: “me ne frego!”: Interviene la protezione civile: dure le parole di Bertolaso: “Avevo lancito l’allarme già venerdì scorso!”

29 ottobre nuova impennata al rialzo delle borse. Brunetta dichiara che ci sono chiari segni di ripresa. Inaugura i tornelli alla procura di Roma. Interviene a Porta a Porta dichiarando che l’80% dei dipendenti pubblici gli ha tributato solidarietà contro le minacce di Epifani.

31 ottobre Il ministro Brunetta dichiara che, grazie ai provvedimenti presi dal governo “c’è una ripresina. Se sapremo approfittarne potremmo dichiararci a tutti gli effetti fuori dalla crisi” LA ministra Carfagna viene nominata protavoce del governo. Renato le fa i complimenti e gli auguri, anche se addombra un qualche sospetto: Silvio quel ruolo lo aveva promesso a me…

1 novembre. Solo in trecentomila approfittano del ponte dei morti. Tutti gli altri si recano nei cimiteri. Si registrano intasamenti e risse agli ingressi dei cimiteri di Bergamo, Napoli, e Caorle. Pesanti disservizi a Roma e Venezia. Il ministro Brunetta impone i tornelli anche nei cimiteri

3 novembre. A porta a porta Brunetta insulta Epifani dandogli del frocio. e attacca indirettamente il Ministro Alfano per i ritardi nell’installazione die tornelli nelle procure del sud d’Italia, Sulla sua polemica con la Carfagna dichiara che lui con Mara ha un ottimo rapporto e che anzi, e lo confessa con un certo pudore, è stato proprio lui a suggerire a Silvio di farla portavoce.

4 novembre la CGIL firma il contratto per la funzione pubblica. Brunetta dichiara che lui ed Epifani vengono dalla stessa matrice socialista e non aveva mai dubitato dell’accordo.

5 novembre: Interviene a Porta a Porta, a Matrix e alle Invasioni Barbariche in contemporanea. Dichiara nell’ordine: Sollecito e Amanda sono colpevoli, l’assenteismo nella funzione pubblica è completamente scomparso ed anzi lui è in possesso di dati che dimostrano che le presenze nella PA sono arrivate al 107%, ha notizie riservate che non vorrebbe assulutamente dire, e sono buone notizie, ma non le vuole dire. Sono buone notizie per lui ma anche per tutti gli italiani, Ma è prematuro dirle. Insomma, io le dico, ma tenetevele per voi: mi stanno riproponendo per il nobel.

6 novembre Il presidente Silvio Berlusconi pone all’ordine del giorno del Consiglio un decreto per l’abolizione da vocabolario italiano della parole: crisi, recessione, succhiare, debito pubblico, dipietro, conflitto di interesse, onda, opposizione. Fini si dice contrario. Letta media. Brunetta, stranamente tace.

8 novembre. Brunetta annuncia a Ballarò di essere candidato all’oscar. Promulga un decreto che impone i tornelli alle pompe di benzina, alle caserme territoriali del carabinieri, agli studi dentistici, al ministero per l’ambiente, allo studio di ingegneria associata Trecanie Duegatti, alla Regione Sicilia.

9 novembre Dura replica del Presidente Lombardo che ricorre alla corte costituzionale, alla corte di giustizia europea e alla corte del miracoli. Brunetta attacca Carfagna: troppa esposizione mediatica. Poi si corregge. La borsa in forte calo,. Tremonti dichiara che è chiaramente colpa dei provvedimenti di Padoa Schippa. Il Ministro Brunetta annuncia la riforma della pubblica amministrazione: tutti i dipendenti a lavoro col grembiulino!

10 novembre Attacchi a Brunetta anche da destra. Il ministro riceve la solidarietà da Maria Stella Gelmini e Mara Carfagna. Pesante attacco da Epifani, mentre Angeletti dubita perfino di se stesso. A porta a Porta il Ministro Brunetta illustra i benefici economici derivanti dall’incremento della vendita di grenbiuli e dalla modificazione mentale che una tale riforma comporta.

12 novembre. La borsa continua a precipitare. In controtendenza la Tornelli spa +13,56% e la Grembiuli International Group spa +86%. Brunetta dichiara che senza il suo intervento saremmo ormai in fallimento. Ma continua a vedere evidenti segni di ripresa. Bertolaso schiera la Protezione Civile. Viene approvata la riforma della scuola, la riforma dell’edilizia, la riforma delle carceri, la riforma della televisione, la riforma del sistema elettorale.

13 novembre l’indice di produttività della pubblica amministrazione risulta cresciuta del 9,12%. La borsa riprende fiato. Viene riformato il mercato del lavoro e sono aboliti i precari. LE mamme di Piazza Navona chiedono dove sono finiti i loro figli… Silvio si rifà. Ha ragione mia figlia… deve predere qualche sostanza.

15 novembre si rifà anche Brunetta. Pruduzione della pubblica amministrazione a +15,43%. Vengono sfornate carte di identità anche per i morti dell’anno 1919 che avranno comunque diritto di voto. Brunetta annuncia a reti unificate di avere un ideuzza. Tremonti assume l’interim alle funzioni intestinali di Brunetta.

23 novembre. mentre si profila un leggero calo di consenso all’azione di governo, dovuto ad un difetto di comunicazione (il ministro Carfagna viene dichiarata vergine e assume il ministero del culto), Brunetta attacca la CGIL. Impone anche alle organizzazioni sindacali l’uso dei tornelli e dichiara aperta la caccia al dipendente pubblico senza grembiule.

24 novembre. La regione Sicilia viene dichiarata in bancarotta fraudolenta. Sollevazione nelle file della compaggine governativa: macchinazione delle toghe rosse. Brunetta riceve il tapiro d’oro e dichiara la giornata festa nazionale. I buoni del Tesoro vengono dichiarati carta straccia e non saranno onorati alla scadenza perchè frutto di manovre speculative. In compenso il governo, tramite il suo ministro, mette in vendita obbligazioni della tornelli spa e della grembiuli International Gruop.

Brunetta dichiara: Siamo fuori dalla crisi

Annunci

2 Risposte to “il ministro Brunetta – novembre in tempo reale”

  1. Fed said

    Hehe..certo che anche tu qualche sostanza l’hai assunta! Comunque complimenti..esilerante! Per fortuna che ci sono i nostri due nannetti a sollevare l’italia dalla depressione..facendoci divertire!

  2. vaiattila said

    caro/a amico/a, c’è poco da ridere. LA realtà è prorio come la dipingo (male) io. Solo che loro usano parole ed esempi più complicati, ma se si leggono le dichiarazioni della ministra Prestigiacomo sul costi ambientali, i cosidetti 20-20-20, le mie cazzatine risultano del tutto scadenti… io lo so, non riuscirò mai a fare il ministro..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: