attila

la grande depressione

diario di crisi. martedì 14 ottobre

Posted by vaiattila su 18 ottobre 2008

A leggere i giornali oggi si ha un capogiro. Ma come, vivevamo nella certezza di una catastrofe, già in piena esplosione, ed è bastata una dichiarazione congiunta che tutto si mette a girare nel senso opposto.

questa schizofrenia mi preoccupa ancora di più. Gli stati europei hanno dichiarato che sosterranno le banche coprendo i loro disavanzi e tutto si è rimesso a circolare come niente fosse. Io, la mia piccola impresa dovremmo accollarci le malefatte di una finanza pazza e rapinatrice per consentire a questi avidi banchieri e speculatori di continuare a giocare con i nostri soldi,

Ora la crisi sembra alle nostre spalle. Eppure non sarà così, Nel suo insieme l’europa ha buttato sul tavolo qualcosa come 1800 miliardi di euro. Altro che l’america. E tutti questi soldi finiranno sicuramente nelle tasche di qualcuno che li farà, in qualche modo, sparire. Non a caso si dice, nei giorni di crisi, “bruciati” tot milioni di euro…. da qualche parte qualcuno si sta riscaldando con i nostri soldi bruciati. L’italia invece, prudentemente ha detto che non quantifica le somme che destinerà a garanzia delle banche. L’Italia pagherà a piè di lista. Tot perdi, tot di rifondo. E’ semplice. Guardo sul giornale le foto degli operatori di borsa. Ieri erano disperati oggi sembrano dei calciatori che hanno appena segnato il goal della vittoria!

almeno avessero un po’ di ritegno e invece sono là, arroganti e felici di essere riusciti ancora una volta ad intascare il bottino.

L’economia reale, invece, quella fatta di materie prodotti cibo oggetti macchine e via dicendo… quella esce sicuramente indebolita. Ormai la recessione  si prevede che finirà nel 2010… almeno due anni di lacrime e sangue, licenziamenti e crisi…

Ieri parlavamo in ufficio e qualcuno mi chiedeva, ma tu come la vedi? io la vedo brutta, perchè qua si è perso il senso della realtà. Viviamo tutti in una bolla mediatica, dove l’apparenza ha preso il sopravvento sulla realtà. L’assurdo è che vogliamo ancora mangiare del cibo mentre dovremmo accontentarci di qualcosa di più virtuale. I soldi spesi sono veri in cambio di vuote scommesse…

l’altro ieri eravamo già nel dramma, oggi siamo euforici, domani chissà…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: