attila

la grande depressione

Tutta gente seria

Posted by vaiattila su 11 ottobre 2008

Sono sempre rimasto ammirato di quei personaggi che ogni tanto la televisione intervista per spiegarci l’andamento finanziario. Di solito giovani, scattanti, intelligenti, che quando parlano dicono cose oscure con grande convinzione. Sono dei vincenti. Gente che una laurea minimo minimo alla Bocconi e una serie di master estreri da far paura. Quando parlano si capiscono da soli, ma intuisci che dietro ci sono analisi e diagrammi, proiezioni e studi dettagliati fino all’ossessione.

Il loro linguaggio appartiene ad una classe esclusiva. per questo non li capisco, non appartengo a quella classe.

Il sospetto che sia tutto un bluff lo ho avuto varie volte, ma poi mi sono detto che non può essere così: non è possibile che la finanzia sia tutta una sorta di incredibile gioco di immagini e astuzie dove la regola è fondamentalmente quella di fregare i più deboli. Poi guardi a quello che fanno le banche, tutte le banche anche quella di Profumo, che dei derivati ha fatto un suo cavallo di battaglia. E ti dici, ma non è che la colpa sia di quel cretino di dipendente bancario che mi ha tirato il bidone, la colpa è proprio della banca e di quell’amministratore che ha deciso di utilizzare uno strumento finanziario che è ai miei occhi incomprensibile, ma hai suoi perfettamente chiaro e dice semplicemente che io, cliente, alla fine devo perdere, mentre lui, alla fine del gioco deve vincere.

Perdere e vincere. Non è una guerra, ma è come un gioco al casinò, ammantato di mistero e di finta astuzia dietro cui si cela la vera truffa.

Questo mondo della finanza ha corrotto e contaminato tutto l’assetto sociale, è riuscito a sconvolgere anche le elementari certezze di menti senplici come la mia dove chi produce e vende, guadagna se il suo prodotto è fatto bene ed è richiesto dal mercato… certo, ci metto anche un po’ di marketing, e pure di fortuna.

Ma dietro questa crisi si nasconde l’inghippo di un mondo fatto di pura rappresentazione, dove i soldi si fanno istituzionalmente per inganno, dove si gioca sulle voci e sulle notizie riservate.

Un mondo che non capisco, ma che depurato dell’ “aura” sacrale dell’alta finanza resta quello che banalmente potrebbe essere il mondo degli scommettitori, dove alla semplicità della scommessa si aggiunge la possibilità di utilizzare l’inganno del bluff. Alla fine il mondo della finanza è molto simile a quello dei giocatori di poker… e questi hanno in mano le sorti del mondo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: