attila

la grande depressione

fallimento

Posted by vaiattila su 7 ottobre 2008

Profumo, grande cspo di Unicredit, sostiene che il mercato ha dato una cattiva prova di sè. E’ tempo di trovare regole e controlli nuovi che mettano la politica al centro della vita pubblica ed economica sia nazionale che internazionale.

Bene. Guardandosi attorno, però, non c’è molto da sperare. Specie in Italia dove il nostro grande timoniere promette continuamente cose nuove. E’ il meno europeista di tutti quando si tratta di fare il proprio tornaconto, ma è il più europeista di tutti quando si tratta di fare il proprio tornaconto. Questa coerenza in qualche modo deve essere incoraggiata e premiata. E mentre manda isuoi ministri Prestigiacomo e Ronchi in giro per l’Europa a sostenere la pochezza degli interventi per l’ambiente, sostenendo che i risultati attesi sono talmente pochi che non vale nemmeno la pena di fare degli sforzi che l’Italia non riuscirebbe a sostenere, così, d’altra parte sostiene che l’Europa dovrebbe fare fronte comune per sostenere la crisi economica.

In questa politica strabica appare subito chiaro che Silvio Banana intende scaricare i suoi debiti sul resto d’Europa. Lui continua di dire che l’Italia è solida e sotto controllo, ma poi abbandona la discoteca per correre dalla Merkel per proporre una linea comune europea. Angela, che non è scema, di fronte al grande imbonitore sembra insensibile. Dannata tedesca!

Ha appena lasciato gli amici della discoteca all’alba, sostenendo di essere in grado di fare l’amore per altre tre ore e subito viene sopraffatto dagli eventi. La Borsa precipita. Tremonti telefona preoccupato. Silvio si guarda attorno ancora perplesso. Annusa ancora quella polverina che gli hanno dato gli amici della discoteca. Si sente un leone. Un idea geniale gli attraversa la mente. Se facciamo un accordo europeo dove costituiamo un fondo comune allora potremmo scaricare i nostri costi sugli altri. Telefona a Sarkò. Sarkò è d’accordo. Telefona a Braun. Braun non capisce niente. Silvio si indispettisce e sente un leggero stordimento. Telefona a Schifani. Schifani gli dichiara il suo amore. Si sente rifrancato. Bisogna convincere quell’arpia della Angela. La chiama. la Merkel non si fa trovare. Incazzato Silvio prende l’aereo e vola da lei. La prima cosa che le dice è che piu sarebbe in grado di fare l’amore per tre ore di seguito. Lei lo guarda con un nuovo interesse e dichiara il suo accordo. Lui ingurgita una mentina. Strano sapore. Gliela hanno regalata isuoi amici della discoteca. Non dorme da sabato sera. Sono 62 ore di veglia. Vede la Merkel e pensa che sia bellisima. La chiama Mara. Lei si offende. Lui le racconta un barzelletta. Lei dice di avrfe fretta, che ha altro da fare. Lui le propone di andare a ballare. Lei si incazza e chiama Veronica. Veronica chiama Silvio e gli ordina di mettersi due dita in gola. Poi i servizi segreti iitaliani recupera Silvio a Berlino. Lo caricano si un aereo militare e cercano di sedarlo mentre il nostro timoniere imreca contro Veltroni e quella ex comunista della Merkel.

Anche per oggi abbiamo governato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: