attila

la grande depressione

BRUMETTA

Posted by vaiattila su 22 settembre 2008

Il ministro scrive una appassionata lettera a Repubblica. LA redazione impazzita rompe gli indugi e la pubblica il giorno 22 settembre.

Da questa spiacevole circostanza apprendo che il ministro Brunetta è uomo di sinistra (un po’ lo sospettavo ed ora capisco perchè la sinistra non ha grande successo).

apprendo anche che Brunetta “ha l’esperienza di chi ha figli in scuole che non formano di chi corre al pronto soccorso e viene accolto con cartelloni di protesta, di chi non riceve giustizia, di chi, come tantissime imprese, brucia tempo e denaro in interminabili ed oziosamente inutili adempimenti burocratici”

Questa esperienza lui la conosce direttamente. Spesso la mattina siamo in fila assieme alla cassa del supermercato e lo vedo sempre più preoccupato mentre acquista prodotti sempre più scadenti. Una volta mangiava filetto, ora deve accontentarsi di frattaglie. Usava comprare prodotti di nicchia, ed ora va sulle sottomarche. E’ evidente che la politica dei tagli fatta dal governo sta colpando anche lui. Opera importanti tagli anche sulle quantità… sempre meno ed io mi vedo i suoi figli sempre più magri… ma tanto essere magri oggi fa figo.

LA scuola dei suoi figli non forma perchè gli insegnanti sono fannulloni e non sono preparati, a parte alcune eccellenze. C’è il professor Rossi del liceo scientifico di Biella che ha fatto un bella lezione il 17 maggio 2007 sul concetto di popolo e la professoressa Tiziani che ha corretto tutti i compiti di matematica della terza media sez. c di Reggio Calabria in soli due giorni. Sul sito del ministro saranno ora citati i primi duecento casi di eccellenza nella scuola.

LA vita normale di Brunetta non finisce qui. Per questo si indigna ( e qua salta fuori la sua matrice operaista)

Compagni, dice Brunetta, “tutto questo, e molto altro, non è solo moralmenete intollerabile, ma maledettamente costoso, Va cambiato in fretta e non per appagare l’esibizionismo di Brunetta (e qua si cita per modestia) ma perchè non possiamo permettercelo”. Certo il problema è che viviamo al di sopra delle nostre possibilità !(niente di personale).

Poi cita la lunga serie dei suoi successi. Ha condotto la guerra contro l’assenteismo e l’ha vinta. (cita ancora i dati di luglio che sono inattendibili, ma li diamo ugualmente per buoni) Ha condotto una campagna contro le consulenze ed oggi c’è un risparmio di un miliardo di euro. Ha infine annunciato l’esistenza di centinaia di storie relative all’eccellenza confermando la volontà di premiare i meritevoli. E, rileva il ministro, i giornali non danno mica tanto rilievo a questa campagna che invece dovrebbe occupare almneno le prime pagine dei quotidiani.

Ed ecco il colpo di reni di Brunetta. “solo che m’aspetterei le critiche per quello che non siamo ancora riusciti a fare, non per quanto ha gia dato buoni frutti. Mi aspetterei una contestazione sulle priorità meglio se accompagnata da indicazioni concrete, mentre è stucchevole il mogugno malmostoso a difesa di una realtà che qualsiasi cittadino, di destra o di sinistra, di sopra o di sotto, vive con malessere e sente intollerabile

Con il senso del realismo che ha finora condotto l’azione del ministro, mi aspetto di tutto e francamente lo temo. Vedo questo illustre callista chiamato a consulto per guarire il corpo della pubblica amministrazione pieno di metastasi fratture e ulcere. E lo vedo armeggiare con ferri, unguenti e pozioni magiche. Ha estratto un molare, l’unico sano, ed ha creato inutili sofferenze, poi lo vedo armeggiare attorno alle mani ed alle unghie.. non ha coraggio di guardare dentro, non sa leggere una lastra, non conosce il significato di quelle analisi, ma crede comunque nella guarigione. Ecco, piu che un uomo di scienza lui, Brumetta, è un uomo di fede. Lui crede e spera. Quando agisce agisce attraverso la preghiera, o attraverso gli scongiuri e gli improperi. “L’angel del signore, non de potenti volgesi alla vegliate porte… ma tra pastori ignoti… ” E viene alla mente il populismo manzoniano… editti, proclami, squilli di trombe ed annuncii… Noi conosciamo i problemi del popolo, conosciamo le soluzioni, noi trionferemo un dì… ed intanto mangiate annunci e tv.. la versione moderna del panem et circenses.

C’è nebbiolina nell’aria: è Brumetta!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: