attila

la grande depressione

il genio e il genio fanno la rivoluzione con la finanziaria

Posted by vaiattila su 7 agosto 2008

Quando parlo di genio non ho alcuna ironia. Mi limito ad usare la terminologia che il governo ha utilizzato per la sua finanziaria rivoluzionaria (anche questo conio del sottosegretario alla presidenza Letta).

E’ un governo che ha bisogno dell’italica genialità quello che vara una finanziaria annuncio. E’ la genialità del marketing: urlare ai quattro venti i punti deboli del proprio prodotto dicendo che proprio questi sono i punti di forza.

Per esempio: io vivo in veneto ed ogni giorno passo per nuove lottizzazioni che stanno là, mezze vuote in attesa di qialche compratore. A parte il brutto spettacolo che queste costruzioni danno in sè (le prodezze estetiche dei nostri costruttori distruggono per sempre il paesaggio), sappiamo che esiste una crisi grave del mattone ed i prezzi calano. Inoltre c’è un problema di mutui…

In altri termini il settore edilizio è in crisi a livello europeo (-0,3% per il 2008) e in Italia la cosa viggia anche peggio. Dunque sosteniamo l’edilizia attraverso un piano di 20.000 nuove costruzioni che servono unicamente a finanziare un settore in crisi. Non rispondono invece alla emergenza sociale abitativa perchè proprio da qua provengono le risorse per finanziare il piano edilizio. UIn altre parole se prima i comuni e lo iacp potevano in qualche modo fare fronte alle emergenze sociali acquistando o locando immobili  già esistienti e pronti per l’utilizzo per risolvere situazioni critiche legate, per esempio, a sfratti, ora non avranno disponibilità perchè non ci saranno fondi per le emergenze, Questi andranno a finanziare nuovi edifici.

Si poteva incrementare la possibilità di acquisto di nuove abitazioni già esistenti attraverso agevolazioni fiscali o garanzie sui mutui, si poteva agire su una quantità di mezzi, ma si sceglie la strada della continua distruzione del territorio a favore esclusivo di costruttori (categoria alla quale il nostro Presidente non è estraneo). Tutto questo lo dobbiamo al genio italico, ad una nazione in grado di sfornare menti quali quelle di Leonardo, Galileo, Dante, Tremonti, Michelangelo, Tiziano, Brunetta, Gasparri.

Ma lo stesso meccanismo vale per la crisi energetica. Noi abbiamo deciso che il futuro sarà nel nucleare, una tecnologia che non è rinnovabile, che  non è pulita, che crea una serie di problemi per lo smaltimento delle scorie.  E mentre nessuno in Europa costruisce nuove centrali ci pensiamo noi, che abbiamo la genialità nel nostro dna, ad andare contro corrente.

insomma, io non voglio addentrarmi in questi passaggi perchè altri lo fanno molto meglio di me, però a me interessa evidenziare come oggi sia necessario ricorrere a pure battute ad effetto per illustrare una manovra quantomeno controversa.  E così si parla di genialità (e il pensiero corre a Tremonti e Brunetta) si parla di rivoluzione (e il pensiero corre a Tremonti e Brunetta) si parla di ottimo lavori di squadra (e il pensiero corre a Tremonti e Brunetta).

Ho cercato in tutta la rete una fotografia che veda assieme Tremonti e Brunetta. Sembra che non esista… il fatto è che li tengono separati perche se si incontrano probabilmente avrenno una specie di terremoto dovuto all’eccesso diconcentrazione di genialità!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: