attila

la grande depressione

Archive for gennaio 2008

la clemenza e l’arroganza

Posted by vaiattila su 23 gennaio 2008

29558267881.jpg

Io l’ho visto. Teso, concentrato, lucido come sempre.

Il suo sguardo intenso perforava l’interlocutore e lo sezionava nel profondo dell’anima, cogliendo ogni piccola contraddizione, ogni meschineria, ogni tentativo di evadere la drammaticità del quesito.

Dietro questo atteggiamento si poteva facilmente intravvedere la rabbia a stento repressa, lo sforzo di un uomo colpito in quanto di più sacro, intimo e profondo egli possedesse.

L’arroganza del potere si era accanita contro di lui e i suoi cari, calpestandone gli affetti , sopprimendo ogni traccia di libertà, colpendoli nel fisico e nello spirito con la violenza che solo la bestialità della tirannide può raggiungere quando decide di annullare fino alle estreme conseguenze l’eroica resistenza di chi si oppone al sopruso ed alla ingistizia.

Ma nonostante tutto il dolore che si coglieva dentro quell’uomo si capiva anche che lui non era domato, che tutta la cattiveria subita non lo avevano piegato.

Con dignità Clemente guardò fisso negli occhi Silvio e scandì con secchezza la sua risposta:

“L’impunità per me e per tutti i miei familiari, due ministeri e otto deputati! ”

poi esausto si accasciò a terra.

Annunci

Posted in varie | Leave a Comment »

VI PREGO, LASCIATE PARLARE SUA SANTITA’!

Posted by vaiattila su 21 gennaio 2008

cron_7058614_550501.jpgIngenuamente ho ritenuto che la questione della contesatazione al Papa fosse quantomeno esagerata.

Sulle prime ho anche tirato una sospiro di sollievo quando è stato annunciato che non ci sarebbe stata la “lezione magistrale” dell’illustre teorico, perchè, a ben guardare, non mi pare che le sue lezioni siano effetivamente strabilianti…. Forse ci avrebbe citato ancora l’interpretazione del processo a Galileo per dirci che sì, alla fine, sul piano pratico, il sant’ufficio non aveva tutti i torti, ma anzi tra i due era proprio Galileo a sbagliare…

In tanti blog molti difendono questa o quella tesi, con ragionamenti più o meno interessanti ed articolati. Però il tema devia e l’oggetto della questione si sposta: si entra nel merito della questione se le tesi di Galieo siano giuste, se esiste un nesso logico tra la teoria di Galileo e lo sviluppo del nucleare, se il nostro teologo sia contario oppure (certo, c’è anche chi sostiene con convinzione questo!) in realtà cerchi di difendere il pensiero galileiano stesso…Insomma, una legittima discussione quasi innocente tra saggi… In epoca di revisionismo storico è del tutto legittimo.

Dunque io ero contento di non sentire eccheggiare la spocchiosa sicumera di sua santità che spara notevoli stupidaggini con la forza di una grande convinzione: quella di essere nel giusto e di “pontificare” con cognizioni di causa su tutto. Egli pontifica in quanto pontefice ed in questo assolve il suo mandato con grande coerenza e bravura.

Essendo pontefice non può essere contraddetto… essendo capo di uno stato non può essere interrotto o contestato… Va’ bene, in questo avevo ritenuto giusta la protesta di una risicata minoranza che ribadiva un proprio dissenso (in questo gioco di inversioni quelle che sono da tutelare sono le minoranze e non i potenti della terra, Santità!) alla fine la lezione magistrale è stata letta, ma lo spaccamento di palle che ne è seguito è stato struggente… da giorni ci stanno tormentando per l’assenza di democrazia (la lezione è stata letta, è stata pubblicata, ha avuto un seguito di stampa enorme… alla faccia! ) E’stata fatta una manifestazione di sostegno al papa dove solo 200.000 persone hanno manifestato (se le contava Silvio sarebbero state almeno 20 milioni) e c’era anche Clemente!

Oggi ancora Bertone torna sul tema. Comincio a pensare che quei somari di professori e studenti che hanno contestato la lezione del papa siano dei veri deficienti. MA si rendono conto di che smarronamento hanno causato a tutti gli italiani?

La prossima volta lasciate parlare quel povero vecchio perchè altrimenti, alla faccia della moratoria, vi auguro la mordacchia, che la democrazia è bella, ma non è per tutti!

Posted in varie | Leave a Comment »

sii clemente!

Posted by vaiattila su 18 gennaio 2008

640px-pig_suckling1.pngDunque, se da qualche parte saltasse fuori che per diventare primario di urologia o di cardiologia il requisito essenziale sia quello di appartenere ad un partito politico, magari qualcuno si potrebbe scandalizzare. Ma questo scandalizzarsi si ferma alla constatazione che sì, tutto questo è esattamente come che lo si aspettava. Ma come? ti scandalizzi perchè viene nominato Tizio quale presidente del Tal ente pubblico? Ma come, dici: è un deficiente? e con quale merito o titolo viene nominato?

Ecco, io che sono persona navigata, guardo il mio interlocutore con sufficienza e lo vedo come uno sprovveduto… ma è così da sempre… ultimamente è anche peggio: si procede per clientela e la clientela è dovunque. Perchè scandalizzarsi?

Il Ministro Mastella è persona chiacchierata da anni… lui, la sua villa di Ceppaloni, le sue reiterate e non tanto celate minacce.. mi dimetto.. .non mi dimetto… sua moglie che assurge al ruolo di presidente del consiglio regionale della Campania, il sistema arrogante di essere simpaticone (come Silvio) ed arrogante allo stesso tempo (come Silvio)..

Poi una serie di intercettazioni telefoniche ci dicono che sì, Clemente e il suo entourage sono proprio come ce li siamo raffigurati. Arroganti prepotenti maneggioni collettori di clientele e di prebende. Cioè fanno schivo!

Di fronte alla prova provata che questi soggetti, chiamati anche, con il gusto del paradosso”onorevoli”, sono praticamente la riprova del fallimento della politica e sono tra i principali responsabili dell’imbarbarimento del nostro paese, tutto il parlamento osa esprimere solidarietà!

Così Romani Prodi, sotto continuo scacco dei ricatti di qualsiasi piccolo carrierista di poco conto, deve inchinarsi al cospetto di Clemente ed augurarsi che il cafone mafioso (che cosa è in definitiva la mafia se non un sistema di potere che si contrappone come interesse di pochi all’interesse collettivo?) possa tornare presta a fare, altra ironia della sorte, il Ministro di giustizia…. E’ un po’ come il tentativo fatto a sua volta da Silvio di mettere alla giustizia il delinquente Previti.

Uno che voleva dare un segnale positivo, di speranza, di slancio verso il futuro che voleva segnare una qualche svolta rispetto ad un passato assolutamente negativo eccetera eccetera…. avrebbe dovuto dire: ma che schifo! fuori tutte le clientele.. diamo una svolta etica a questa orribile politica…. e via tutti i clementi dalla politica .. che se ne stiano a Ceppaloni se non troviamo qualcosa di più concreto per mandarli a san Vittore…

così avrebbe dovuto fare un buon Presidente del Consiglio di una Repubblica fondata sul lavoro.

Bene. non posso che invocare su di me l’augurio di divenire Clemente. Comincerò a rubare anch’io!

Posted in varie | 1 Comment »